Ultima scemenza imparata – Ambarabà

Ambarabà ciccì coccò
tre civette sul comò
che facevano l’amore
con la figlia del dottore;
il dottore si ammalò 
ambarabà ciccì coccò!

Un grande classico della cultura italiana.

Che io, per l’assonanza di quel ludico Ambarabà con l’Ambaradan, ritenevo risalire al più alle nostre disgraziatissime guerre coloniali il cui risultato iniziale fu quello di regalare all’Etiopia prima e al continente africano poi una festa (sovra)nazionale di grande significato: l’anniversario della battaglia di Adua.

E invece un linguista di tutto rispetto ritiene che possa addirittura derivare da una conta latina, che avrebbe dovuto suonare più o meno così

HANC PARA AB HAC QUIDQUID QUODQUOD

e il cui significato poteva essere (tirando un po’ le cose per i capelli) “ripara questa (mano) da quest’altra (che fa la conta)…

 

Giusto per capire di cosa vorrò parlare in questo blog, ben più che inutilerrimo


La figlia del dottore con le tre civette, diversi anni prima dello scabroso incidente avvenuto sul comò 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...